Pastiera napoletana

La pastiera napoletana affonda le sue origini in tempi molto lontani, quando, in occasione delle feste pagane, si usava preparare questo dolce per festeggiare l’arrivo della primavera.

La sua diffusione è da collocare, in tempi moderni, intorno al 1500-1600.

E’ un dolce che si prepara con i frutti della terra… grano, farina, uova, ricotta, doni che, secondo la mitologia, ricevette in omaggio la sirena Partenope, simbolo della citta di Napoli (chiamata per questo motivo Partenope), la quale li depose ai piedi degli dei che li trasformarono nel dolce che oggi conosciamo come Pastiera.

E’ caratterizzata da una friabile parte esterna ed un ripieno soffice, dovuto alla ricotta, e particolarmente aromatizzato per la presenza di cedro candito, cannella, fiori d’arancio e vanillina.

E’ un dolce tipico del periodo pasquale.

INGREDIENTI per una pastiera di 24 cm di diametro

PER PASTA FROLLA

Burro gr 130

Farina 00 gr 330

Sale un pizzico

Uova intere 2

Zucchero gr 130

(In realtà sono sufficienti gr 250 di pasta frolla, ma per evitare di alterare la ricetta – causa uova- vi conviene prepararne un po’ di più; potete preparare con la pasta rimanente dei biscotti semplici)

PER RIPIENO

Buccia di 1 limone

Burro 1 cucchiaino

Cedro candito gr 50

Essenza di fiori d’arancio 1/3 di fialetta

Grano gr 200

Cannella 1/2 bustina (1 cucchiaino)

Latte ml 100

Ricotta di pecora gr 200

Uova 3 intere + 1 tuorlo

Vanillina 1/2 bustina

Zucchero gr 200

PREPARAZIONE

Prima di tutto mettete a scolare la ricotta dal giorno prima (deve perdere tutto il siero).

Preparate, quindi, la pasta frolla (cliccate qui per leggere come fare – seguite, però, le dosi di questa ricetta) e fatela riposare.

Preparate, ora, il grano.

Mettete in un pentolino il grano insieme al latte, al burro ed alla buccia di limone.

Fate cuocere a fiamma bassa per 10 minuti circa fino a che il latte non si sarà rappreso.

Mettete, quindi, il grano cotto in una terrina, togliete la buccia di limone e fate raffreddare.

Adesso, mettete in una terrina la ricotta e lo zucchero e lavorate con un frullatore alla massima velocità fino ad ottenere una cremina.

Aggiungete, quindi, le 3 uova intere ed il tuorlo e continuate a lavorare con il frullatore.

Una volta che sarà tutto ben amalgamato aggiungete grano, canditi, vanillina, cannella, l’essenza di fiori d’arancio e mischiate il tutto.

Stendete, adesso, una sfoglia sottile di pasta frolla di grandezza leggermente maggiore della teglia da utilizzare.

Sistematela, quindi, nella teglia da forno tonda (di 24 cm di diametro) facendo attenzione a non formare bolle d’aria tra il tegame e la pasta (in quei punti rimarrebbe un po’ cruda!) e facendo ricadere il bordo verso l’esterno.

NOTA: potete rivestire il fondo della teglia con un disco di carta da forno per sformare la pastiera più agevolmente quando sarà cotta.

Versate, ora, tutto il ripieno.

Con una rotella dentellata, preparate, quindi, delle strisce lunghe quanto la teglia e larghe  2 cm circa.

Adagiatele sul ripieno seguendo il disegno in foto.

Quindi, con la rotella dentellata, eliminate la pasta in eccesso che fuoriesce dalla teglia.

Cuocete in forno preriscaldato a 180° per 45 minuti circa, fino a leggera doratura (il tempo varia a seconda del forno – cuocete fino a leggera doratura).

Spegnete, ora, il forno e lasciatela asciugare fin quando il forno non si sarà raffreddato (continuerà a dorarsi).

Fatela raffreddare bene prima di gustarla!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.