Canne per cannoli siciliani

La preparazione dei cannoli siciliani, lungi dall’essere una pratica quotidiana, racchiude in se la magia della tradizione e delle antiche pratiche di una volta.

Tutto un mistero le cui origini affondano nella “semplicità” degli attrezzi utilizzati per la loro realizzazione. In primis le canne necessarie per dar loro la forma.

Vanno sempre più scomparendo le sane abitudini che hanno, ormai, ceduto il testimone all’innovazione; in questo caso, infatti, le canne, utilizzate dalla stragrande maggioranza delle persone, sono quelle in alluminio.

Però, come spesso accade, innovazione non è sempre indice di qualità superiore, questo perchè con le canne in acciaio la pasta si assottiglia nel punto di chiusura del cannolo, a differenze di quanto accade con quelle naturali, e di conseguenza il risultato finale non è ottimale.

Se avete, quindi, un po’ di tempo e di buona volontà, vi consiglio di andare a raccogliere le canne naturali e di preparare con queste quelle necessarie per fare i cannoli.

Per la raccolta delle canne dovete aspettare il mese di settembre, mese in cui le canne non sono nè molto fresche nè troppo secche: nel primo caso, infatti, le canne nel momento in cui si mettono a seccare si rattrappiscono, nel secondo caso, invece, non si riescono a tagliare in maniera netta. Dovete, poi, scegliere canne che sia incontaminate e quindi lontane dal traffico automobilistico. Fra queste, poi, dovete prediligere, per motivi di igiene, quelle situate più in alto.

Raccolte, quindi, le canne di vostro gradimento, scelte anche in base alla grossezza desiderata, dovete eliminare tutte le foglie.

Tagliate quindi, con un coltello a lame liscia, le canne da nodo a nodo (le canne che contengono nodi non sono buone per preparare i cannoli!).

IMPORTANTE: la lunghezza delle canne deve essere di 8-10 cm.

Mettetele, quindi, al sole a farle seccare per 1 settimana circa.

Trascorso il tempo necessario, friggetele in abbondante olio extravergine di oliva per circa 5 minuti.

Quindi, fatele stare un po’ a mollo in acqua e detersivo, lavatele con detersivo per piatti e fatele, infine, asciugare a testa in giù su carta da cucina in un contenitore aperto per almeno 3-4 giorni.

IMPORTANTE: le canne messe a mollo verranno a galla; per mantenerle in acqua mettete sulle canne un piatto.

Potete, a questo punto conservarle.

IMPORTANTE: le canne possono essere utilizzate per diversi anni (ogni volta che le utilizzate lavatele e fatele asciugare) fin quando, però, non diventano eccessivamente scure e perdono di luminosità; a quel punto dovrete sostituirle con canne nuove, poichè, se fritte ulteriormente, si spaccheranno.

2 thoughts on “Canne per cannoli siciliani

  1. Enzo
    14 gennaio 2019 at 22:27

    Le canne da usare posso essere di bambu ?

    1. Simona Maggio
      17 gennaio 2019 at 16:30

      Assolutamente si, Enzo!!! Si utilizzano le canne di bambù:-)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.