Pasticciotti leccesi

Il pasticciotto leccese affonda le sue origini nel 1745 a Galatina.

Fu proprio qui ed in questa data che Nicola Ascalone, la cui bottega pasticcera versava in condizioni ormai critiche, creò un “pasticcio” per consumare pasta e crema residui ed insufficienti per fare la classica crostata. Regalata, poi, ad un passante, questi, deliziato dal dolce offertogli, ne celebrò la sua bontà.

Da quel giorno il “pasticciotto” divenne il classico dolce leccese, da gustare rigorosamente caldo.

Una friabile pasta frolla fuori che nasconde una soffice crema al suo interno.

INGREDIENTI per 12 pasticciotti

PASTA FROLLA (morbida)

Burro g 130

Farina g 270

Uova 3 tuorli

Zucchero g 120

Sale 1 pizzico

(Aggiungete un pizzico di lievito per dolci)

CREMA AL LIMONE

Buccia di 1 limone

Farina g 65

Latte ml 650

Uova 4 tuorli

Zucchero g 13o

DECORAZIONE

Zucchero a velo

PREPARAZIONE

Prima di tutto preparate la pasta frolla morbida (cliccate qui per leggere come fare – seguite, però, le dosi di questa ricetta)  e fatela riposare in frigo per 30 minuti circa.

Preparate ora la crema al limone (cliccate qui per leggere come fare – seguite, però, le dosi di questa ricetta) e fatela raffreddare.

Stendete, ora, con il matterello una sfoglia di pasta (di 5 mm di spessore) e tagliate 12 dischi grandi a sufficienza per rivestire gli stampini per i pasticciotti ed altri 12 più piccoli per chiuderli.

Quindi, sistemate i dischi negli stampini, aggiungete la crema al limone e chiudete con i rimanenti dischi di pasta frolla.

Tagliate, la pasta in eccesso.

Spennellateli con poco latte e zucchero a velo.

Cuocete, quindi, in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti circa.

Una volta sfornati e tolti dagli stampini, fateli asciugare per qualche minuti in forno spento.

Spolverizzate infine con abbondante zucchero a velo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.