L’Amarone, il più amato dagli italiani

L’Amarone, il più amato dagli italiani

Appassimento Uve

L’Amarone, il più amato dagli italiani – A cinquant’anni dal riconoscimento a DOC dell’Amarone (1968, divenuta DOCG nel 2010) sembra che il nobile Vino abbia conquistato il largo consenso degli acquirenti online.

Il dato emerge dal panel di ricerca di Tannico (uno dei principali player del settore e-commerce di vino) sui vini italiani, con focus sulla Valpolicella DOC.

L’Amarone è il Vino rosso italiano più venduto nei segmenti di vini ultra-premium e luxury (oltre 25 Euro) con il Brunello di Montalcino: la quota di mercato del 13,72% per l’Amarone e del 13,78% per il Brunello, per un totale del 27,5%, testimonia l’interesse indiscusso degli utenti web per una tipologia di vino che, seppur di nicchia e di non facile spesa, seduce e conquista.

La storia dell’Amarone nasce nel 1939, anno del suo primo imbottigliamento in Cantina Valpolicella Negrar.

Cantina Valpolicella Negrar

Un evento casuale, una dimenticanza, vede la fermentazione di tutti gli zuccheri durante la produzione di un Recioto (il Vino dolce, che tutti conosciamo, prodotto dalle stesse uve!). Amaro al gusto, si intuì la grandezza di questo vino secco. Da lì in avanti la decisione di vinificare anche “la versione secca” del Recioto: l’Amarone, un Vino di grande personalità e stile.

Appassimento - GrappoloAttenta  raccolta delle uve in piccole cassette da 6-7 Kg, appassimento per un periodo di 3-4 mesi su stuoie o tavole di legno in fruttai in collina per sfruttare al meglio ventilazione e scarsa umidità in un processo di appassimento naturale integrato per scongiurare la formazione di muffe sfavorevoli, impreziosite spesso, per contro, dall’attacco della Botritys Cinerea, con un conseguente calo in peso dei grappoli del 30-40% ed una pigiatura soffice sono le basi per ottenere un mosto molto concentrato. Una lenta fermentazione di 90 giorni ed un affinamento di almeno due anni in fusti di rovere e per un ulteriore anno in bottiglia sono le caratteristiche principali del “Grande Rosso”, Principe indiscusso del mercato italiano online del 2017.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.