Cantine Aperte in Vendemmia per Vini Coppi

Cantine Aperte in Vendemmia per Vini Coppi

Cantine Aperte in Vendemmia per Vini Coppi

Settembre, tempo di Vendemmia!!!

Cresce sempre più il desiderio di “ritorno alle origini” e a quelle terre che hanno portato nel tempo a valorizzare, grazie all’instancabile lavoro dell’uomo, un territorio vocato alla produzione di vini di qualità.

Passione, dedizione, tenacia, questi i valori che, oggi, vedono il mondo enogastronomico in prima linea tanto a livello nazionale, quanto regionale.

A testimonianza del forte interesse da parte di enoturisti e winelovers, il Movimento Turismo del Vino Puglia, in collaborazione con l’Assessorato all’Agricoltura della Regione Puglia, ha celebrato uno dei momenti più suggestivi della stagione vitivinicola, la Vendemmia, con l’evento “Cantine Aperte in Vendemmia“, giunto, ormai, alla sua 18esima edizione.

Domenica 25 settembre, infatti, 14 cantine dislocate su tutto il territorio pugliese hanno aderito all’iniziativa per far conoscere la propria realtà aziendale, vigneti, tecniche di vinificazione, cantine, etichette, nuove e pluripremiate, a garazia di un’elevata qualità del panorama vitivinicolo pugliese che vanta oggi un importante richiamo per un turismo mirato, da un lato, e per una sempre maggiore competitività anche a livello internazionale, dall’altro, da parte di paesi incuriositi da un prodotto che si identifica con un territorio, in cui l’ambiente pedoclimatico favorevole rende unica una produzione che negli anni ha assistito ad un miglioramento in termini esponenenziali grazie a qualità, tecnica, innovazione e passione. Una produzione di qualità che si palese nella degustazione di ogni singolo calice, da cui  lasciarsi trasportare per avvertire quel forte legame con la ruralità di una terra calda e ricca di potenziale.

Queste le cantine che hanno aderito all’iniziativa:

DAUNIA: Valentina Passalacqua (Apricena – FG); d’Alfonso del Sordo (San Severo – FG);

MURGE: Tor de’ Falchi  (Minervino Murge – BT); Rivera, Conte Onofrio Spagnoletti Zeuli, La Cantina di Andria  (Andria – BT); Villa Schinosa  (Trani – BT); Torrevento (Corato – BA); Terre di San Vito (Polignano a Mare BA); Coppi (Turi – BA).

MAGNA GRECIA:  Tenute Emèra  (Lizzano – TA); Consorzio Produttori Vini Manduria (Manduria – TA).

SALENTO: Cantina Due Palme (Cellino San Marco – BR); Cantina Moros (Guagnano – LE).

Noi per l’occasione eravamo in visita da Coppi, a Turi.

Quella dei Vini Coppi è “Una storia di Famiglia” che segna le proprie origini nel lontano 1882. La storia della Famiglia Coppi (Antonio Coppi ed i suoi figli, Lisia, Miriam e Doni), che sin da subito ha avuto chiara la proprio mission: “restituire dignità e lustro ad una produzione vinicola, quella di Puglia, ancora poco conosciuta e per molti versi bistrattata, snobbata dal resto del mainstream vinicolo italiano“.

Una filosofia aziendale in cui chiaro è il profondo amore per la natura con 100 ettari di proprietà in cui le uve sono allevate in biologico.

Una realtà attenta al particolare in cui passione e professionalità creano un connubio perfetto non solo per la produzione di vini di qualità ma anche per l’ottima ospitalità riservata nell’antica e ristrutturata cantina del 1882, nella quale, in occasione di Cantine Aperte in Vendemmia si è potuto assistere ad un ricco programma di eventi dalle 10 alle 17 (ed oltre).

Non solo, quindi, degustazioni dei pluripremiati vini di Casa Vinicola Coppi, ma abbinamenti cibo-vino con i prodotti tipici della Murgia, dai prodotti caseari di Masseria La Lunghiera alla pasticceria di Caffè Iacovazzi ed al gelato artigianale Gelàmi. Molto attenta al tema della convivialità, la Famiglia Coppi ha, inoltre, aperto la propria cantina per un pranzo con menu tipico pugliese a cura dello chef Ignazio Perrelli.

Tante le degustazioni guidate dall’impeccabile professionalità dei Sommelier Ais Murgia. Tanti i vitigni allevati in uno dei territori di elezione della DOC Primitivo di Gioia del Colle e nei vigneti di proprietà del salento brindisino, che vedeno un’ottima produzione anche di vini di differenti tipologie da Aleatico, Falanghina, Malvasia Bianca, Malvasia Nera e Negroamaro. Tanti i riconoscimenti, fra i quali ricordiamo i Tre bicchieri gambero Rosso per Senatore e la Medaglia d’Argento Decanter Asia per Don Antonio.

Ma veniamo a noi e facciamo un excursus dei vini degustati (in ordine di degustazione):

GALA’ – Vino frizzante Malvasia Bianca IGP Puglia (Grado alcolico 11,5°)

SERRALTO – Malvasia Bianca IGP Puglia (Grado alcolico 12°)

GUISCARDO – Falanghina IGP Puglia (Grado alcolico 13°)

BOLLICINECHERì – Extra dry rosè Negroamaro IGP Salento (Grado alcolico 11,5°)

CORE’ – Negroamaro rosato IGP Salento (Grado alcolico 12°)

SANNACE – Malvasia Nera IGP Puglia (Grado alcolico 12°)

PELLIROSSO – Negroamaro IGP Salento (Grado alcolico 12,5°)

SINISCALCO – Primitivo IGP Puglia (Grado alcolico 13°)

VINACCERO – Aleatico IGP Puglia (Grado alcolico 14°)

DON ANTONIO – Primitivo IGP Puglia (Grado alcolico 14,5°)

SENATORE – Primitivo DOC Gioia del Colle (Grado alcolico 13,5°)

VANITOSO – Primitivo Gioia del Colle DOC Puglia (Grado alcolico 14°)

Un ringraziamento sentito alla Famiglia Coppi per l’accoglienza ricevuta.

Ecco alcuni scatti della giornata

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.